Si alzi il sipario sul Parco Durazzo Pallavicini

Inserito da

Prendiamo il treno da Genova con un bel sole primaverile e nell’aria sentiamo già il profumo d’estate. Yael, Pietro ed io ci dirigiamo verso Genova Pegli, oggi visiteremo il Parco Durazzo Pallavicini, alla scoperta di questa bellissima oasi di verde che si estende appena sopra la città di Pegli.

Il Parco si trova accanto alla stazione, basta percorrere pochi metri e il lungo viale d’ingresso ci guida verso il giardino che si sviluppa su 8 ettari di collina.

Il Parco Durazzo Pallavicini di Pegli, realizzato tra il 1840 e il 1846, su progetto dell’architetto Michele Canzio e per volere del marchese Ignazio Alessandro Pallavicini, rappresenta una vera eccellenza nell’ambito del giardino storico romantico italiano ed europeo.

Una delle caratteristiche uniche di questo giardino, è di essere strutturato su un racconto teatrale a sfumature esoterico-massoniche che rendono la visita un’esperienza meditativo-filosofica oltre che storico-culturale e paesaggistico.

 

Effettuare il percorso di visita articolato in tre atti è una vera e propria esperienza di elevazione. Ogni atto è poi composto da quattro scene e sembra di essere immersi in una grande unica scenografia teatrale a cielo aperto caratterizzata da laghi, torrenti, cascate, edifici da giardino, arredi, piante rare, scorci visivi e ‘inganni scenografici’ capaci di appropriarsi del panorama esterno e di dilatare quasi all’infinito i confini di questo luogo “magico”.

Il Parco è stato chiuso per un lungo periodo, dopo l’ultima guerra era stata chiusa al pubblico la parte alta, relativa al secondo atto del racconto, abbandonando così le scenografie medievaleggianti e gli edifici più imponenti del complesso.

Dal 1985 gli architetti Fabio Calvi e Silvana Ghigino hanno cominciato a studiare questo inconsueto ‘capolavoro di interdisciplinarità’ riportandone alla luce le varie caratteristiche sia tecniche che filosofiche.  Nel 1992 sono stati realizzati restauri ingenti per tutta la parte bassa, continuando ad escludere la zona alta del parco con Castello e Mausoleo; un nuovo progressivo degrado ha vanificato queste opere e riportato il bene in uno stato di grave alterazione.

 

Dal 2009 sono iniziate nuove opere di restauro che hanno interessato sia monumenti che la parte estesa del territorio con tutte le sue problematiche di tipo paesaggistico, scenografico e tecnico. Oggi i lavori previsti sono conclusi

Oggi è possibile effettuare visite al percorso del parco tutti i weekend, su prenotazione.

Per info: info@villadurazzopallavicini.it

010 8531544

www.villadurazzopallavicini.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>