Perdersi tra le strade di Genova. Alla scoperta di Castelletto

Inserito da

Prendiamo una domenica mattina.

L’accordo di un buon caffè (chiaro, altrimenti che domenica mattina sarebbe?) in piacevole compagnia e una città che riserva sempre tante sorprese: Genova.

Si parte da qui per trovarsi a passeggiare alla scoperta di vicoli e stradine nel quartiere di Castelletto sulle alture di Genova.

Forse conoscete già questa zona della Superba, anche per via della celebre citazione del poeta Caproni

Quando mi sarò deciso
d’andarci, in paradiso
ci andrò con l’ascensore
di Castelletto

L’ascensore in questione è quello che da Largo Zecca porta al Belvedere e merita certamente un viaggio.

Se invece avete voglia di camminare potete andare a piedi. Si, c’è una certa salita da fare ma d’altra parte le cose belle bisogna un po’ guadagnarsele. No?

E allora, mentre passeggiate circondati dai meravigliosi palazzi storici di Via Garibaldi, imboccate la scalinata che incrocia Piazza della Meridiana. Adesso dovete solo salire…salire, salire, salire fino a che non vi troverete senza fiato, in parte per la scalata ma sicuramente anche per il panorama paradisiaco che si spalancherà davanti ai vostri occhi.Ph _lorsen_

Ecco la città distesa e pronta per farsi ammirare. Il suo Porto Antico, il centro storico, tetti, cupole, palazzi, e la Lanterna. Insomma, c’è tutto.

 

Piazza Chiesa Castelletto Genova blog

Non si può pensare ad un giro in Spianata Castelletto senza tenere in mano un gelato o una buona granita di Don Paolo, siciliano doc che rinfresca le menti e lo spirito di tutti gli avventori. Qui, appena il clima lo permette, ci si siede a fare due chiacchiere e assaporare un po’ di Sicilia ammirando il panorama ligure. Unione sublime.

 

 

 

Ora iniziamo la discesaVicolo Castelletto

Anche per questo tratto, lasciatevi guidare dall’istinto e vi ritroverete a ripercorrere le Crêuze più inaspettate: Salita Carbonara, Piazza della Giuggiola (magica) e altri vicoletti che si diramano fino a sbucare in Piazza del Carmine.

Durante la settimana potete inserire nel giro una tappa al Mercato del Carmine e magari prendere qui un aperitivo. Rinnovato di recente ha reso questa piccola isola felice ancor più caratteristica e luogo di aggregazione per il quartiere.

E’ arrivato il momento del caffè. Come dite? No, ma quale brioche, va accompagnato rigorosamente da una striscia di focaccia!

Ecco, una mattinata cosi rientra tra i piccoli piaceri intensi e volatili che punteggiano la nostra vita, non trovate?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>