Andiamo a vendemmiare !

Inserito da

Ad Alassio si va al mare o a fare shopping, si va di sera a cena o in qualche locale alla moda. Invece io e Cristina ad Alassio andiamo a vendemmiare!

L’evento TeamBuilding in Vigna è stato organizzato da un professore vulcanico dell’Istituto alberghiero Giancardi di Alassio con il patrocinio della Regione Liguria, per far conoscere ai turisti l’entroterra durante la stagione della vendemmia. Un’idea che potrebbe diventare un progetto turistico valido per tutta la Liguria.

Da Alassio veniamo accompagnate ad Ortovero, sede della nuova Enoteca Regionale della Liguria, dove ci aspetta un foltissimo gruppo di turisti stranieri con già cappellino e grembiulone d’ordinanza pronti a vendemmiare. Oggi ad Ortovero la lingua ufficiale è il tedesco, ma anche l’inglese, il russo e il francese.

Tutti belli abbronzati dal sole della Liguria, chi con infradito, chi con il piumino (previdenza teutonica che poi verrà poi premiata) veniamo divisi in squadre capitanate da albergatori e commercianti di Alassio. Io e Cri veniamo divise perché il teambuilding sarà molto “social” e i nostri turisti non appartengono alla generazione dei selfie!

Ready, steady, go!

Quando ogni squadra è pronta, vengono consegnate le buste con la prima prova. Una prova perfetta per rompere un po’ il ghiaccio tra noi: scattarci una foto tra compagni di squadra e realizzare un piccolo video con lo smartphone per la promozione del vino locale! Detto fatto, i nostri turisti si scatenano nei vigneti e fare il video è un gioco da ragazzi!!

teambuilding_vigna_ortovero (7)La seconda prova sarà forse la più coinvolgente. Ogni squadra segue un vignaiolo nella propria vigna. La campagna è assolata e tantissime piccole vigne che incrociamo lungo la strada sono impegnate dalla vendemmia. In tanti ci sorridono mentre tagliano i bei grappoli d’uva matura e li ripongono nelle cassette, i bambini giocano tra i filari e aiutano i grandi, in una tradizione che si ripete ogni anno, da sempre.

La voglia di assaggiare l’uva del pigato e del vermentino cresce! Una coppia di tedeschi è davvero entusiasta all’idea di vendemmiare, mentre gli altri compagni di avventura si lasciano condurre dal divertimento di questo gioco. Una bella ragazza russa si mette in posa e viene fuori una bella foto kitch.

teambuilding_vigna_ortovero (12)

La nostra vignaiola in perfetto inglese ci presenta i suoi gioielli, dei bei grappoli dorati, maturi e dolcissimi…. Eh beh, basta, non abbiamo più resistito ed è partito l’assaggio! E devo dire mi sono venuti dietro tutti!

Un’uva eccezionale! E anche se provenienti da culture, lingue e storie diverse, ci guardavamo goduti per quel magnifico spuntino di uva dolcissima e gustosa che poi si sarebbe trasformata in un pregiato pigato. teambuilding_vigna_ortovero (5)

Il gruppo ormai affiatato si trovava sempre più a suo agio tra vigne e compagni di viaggio, così le nuove prove sono state affrontate con la leggerezza che serviva.

All together now!

Accompagnati a Borgo Fasceo, una bellissima località a pochi minuti dalla sede dell’enoteca di Ortovero, dove dopo un piccolo sentiero si arriva ad una chiesetta antica con un risseu come sagrato, e con una vista bellissima sui boschi, vigneti e oliveti. Un posto davvero magico. Ho quasi pensato al matrimonio quando ho visto questo posto… ma è stato solo un pensiero rapido e indolore! vigna chiesa con risseu 1

Qui si sono combattute le ultime prove, la preparazione di una salsa al mortaio, di un centro tavola con erbe spontanee, e di un buon analcolico alla frutta. Tutti ben divisi e scatenati ci siamo dedicati alle preparazioni e qui gli albergatori hanno dato sfoggio del “mestiere”, allestendo tavole e centri tavola con frutta e fiori di campo da hotel 4 stelle! Tra i turisti chi preparava il pesto con i gambi del basilico, chi scambiando menta con basilico, chi assaggiando tutti gli ingredienti (aglio compreso), ma tutti divertendosi e mettendosi alla prova col mortaio. teambuilding_vigna_ortovero (13)

La simpatia dello chef Renato Grasso ci ha coinvolto nella tradizionale preparazione del coniglio alla ligure, che poi abbiamo assaggiato con gran piacere. I sommelier dell’AIS hanno allestito un tavolo per un’impeccabile degustazione di vino e anche in questa situazione i turisti hanno seguito con grande attenzione ogni dettaglio proposto.

Anche il tempo fa sentire a casa i nostri ospiti, con una bella pioggerillina estiva. Con la classica fuga in enoteca, finisce il gioco nelle vigne.

And the winner is ….

Come ogni gara che si rispetti, avviene la premiazione con le autorità, l’Assessore regionale all’agricoltura, Stefano Mai, il sindaco di Alassio, Ortovero, e i rappresentanti dell’istituto alberghiero di Alassio, i cui ragazzi hanno dato una mano su tutto per la buona riuscita dell’evento, tutti chiamati a premiare la squadra che ha realizzato più punti in ogni singola prova. E … non siamo noi!

Vince la squadra con un team di austriaci che sembra un gruppo di amici in gita scolastica.  In effetti è vero che in un team building vince chi ha creato la squadra più affiatata.

La sala dell’enoteca è stata allestita dai ragazzi dell’alberghiero, con una mise en place a tema vendemmia. Davvero delicata e fine. La cena tra tutti i partecipanti è un successo, il menu ligure va dallo zimino di ceci, alle verdure ripiene, con tantissime degustazioni di vini locali, pigato, vermentino e rossese.

E poi la sorpresa finale, c’è una coppia di russi che festeggia 30 anni di matrimonio e verranno festeggiati dal mitico Egidio, con una torta di crema e una mazzo di fiori bellissimo. I russi sono commossi, gli altri ci bevono su.

Una bellissima esperienza, ecco oggi io e Cristina abbiamo trovato l’anello di congiunzione tra enogastronomia e turismo!

Le foto sono mie e della pagina Facebook “Team building in vigna”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>