Il trenino di Casella: tra le valli di Genova

Inserito da

Il trenino di Casella mi è piaciuto subito, forse perché ho sempre provato una certa simpatia per i treni. So che chi utilizza questo mezzo di trasporto tutti i giorni, magari per lavoro, potrebbe avere qualcosa da ridire in merito ma io ci ho sempre visto un che di romantico. Forse perché fin da bambina sono stata abituata a prenderli per fare lunghi viaggi dalle Alpi agli Appennini e raggiungere persone e luoghi amati. Con una buona dose di tenerezza ricordo baci scambiati in stazione con treni che vanno e vengono. ROBERTO RAVA IMG_0655

Sarà per questo che quando ho saputo della riapertura di una piccola ma storica linea ferroviaria che dal centro della città di Genova porta al suo entroterra mi sono subito incuriosita.

La festa per la riapertura del trenino di Casella

La linea in questione è quella percorsa dal Trenino di Casella. Praticamente un’istituzione, un collegamento inaugurato nel 1929, in funzione da allora ha subito nel tempo piccoli stop. Trenino Casella-54 Il più recente, nel 2010. Da allora si attendeva con ansia la riapertura del trenino e pochi mesi fa, la grande festa e la nuova partenza.

Il percorso tra le valli genovesi

Il Trenino di Casella parte dal centro di Genova, più precisamente Piazza Manin, e si snoda su un percorso caratterizzato da pendenze e strette curve in un panorama tra montagna e mare. stazione_manin_genovaI primi chilometri infatti sono tutti a picco sul mare e sulla città. Ci si addentra poi nell’entroterra attraversando ben tre Valli: la Valbisagno, la Valpocevera e la Valle Scrivia fino ad arrivare nella località capolinea di Casella.NiusciPaese2È possibile utilizzare il Trenino per una gita panoramica, per pianificare passeggiate sulle alture, magari in bicicletta! C’è infatti la possibilità di portare la propria bici e sistemarla in un vagone appositamente adibito. trenino_casella_paolo_gassaniCi sono poi laboratori e attività per le scuole, un modo divertente per scoprire l’entroterra e le tradizioni liguri.

Salendo su questo piccolo treno mi sono trovata immersa in uno spazio sospeso tra presente e passato dove ogni cosa sembra svilupparsi con quiete e con quella lentezza che siamo così poco abituati ad assaporare in questo tempo in cui tutto avviene con la velocità di un click. Niente clacson, niente semafori o guidatori nervosi. ROBERTO RAVA IMG_0656

Solo verde, fiori, mare, al massimo la risata fragorosa di un bambino che si emoziona davanti a cose semplici, come un treno.

Per info: http://www.ferroviagenovacasella.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>