Bevi mangia e cammina…la Mangialonga di Levanto

Inserito da

E’ arrivato il giorno: si parte per la famosa “Mangialonga” di Levanto, edizione 2016, un must del trekking enogastronomico ligure.

Siamo in 6: io e mio figlio Davide, e le mie due colleghe Silvia e Gloria con i rispettivi compagni Matteo e Fabio. Dopo il ritiro del kit, in cui è indicato anche l’itinerario con i vari punti sosta e ristoro, partiamo a scaglioni di circa 50 persone ogni 10 minuti.

20160522_094425_resized_1

La Mangialonga è una fantastica esperienza gastronomica e attiva:

immersi nel verde della natura, con scorci tra terra e mare, in un clima festoso e rilassante, si percorrono circa 10 chilometri nell’entroterra di Levanto. E’ una occasione unica per scoprire il territorio camminando, assaggiando le tipicità locali, ammirando i borghi preziosi e nascosti tra le colline, accompagnati da musica dal vivo, nei vari posti tappa dove sono a disposizione tavole imbandite e bevande. Il clima è molto goliardico, tutti mangiano, bevono, ballano, cantano…una vera e propria festa.

Mangialonga Levanto 2016La giornata è stupenda: sembra già estate, limpida, pulita dove i colori delle case dei borghi brillano tra il verde dei boschi.
Prima tappa: Fossato, dove veniamo accolti dalla musica e dalla focaccia.. prodotto ligure per eccellenza, con quel gusto particolare che le dona l’olio extravergine di oliva doc. Breve sosta e ripartiamo in marcia verso Lizza dove ci vengono offerte le frittelle di grano. Buonissime, e qui ci sta anche il bicchiere di vino bianco, su cui subito gli uomini del gruppo si avventano. E’ un buon inizio no? Almeno percorrono il sentiero che ci conduce alla terza tappa Lavaggiorosso, che è il punto più alto della marcia, chiacchierando e ridendo di ogni minima cosa. Tra Lizza e Lavaggiorosso però veniamo sorpresi da una tappa extra: il vecchio Mulino e la distribuzione di farinata bollente appena uscita dal forno! La farinata è superlativa: attira molti golosi, impossibile resisterle.
A Lavaggiorosso viene servito il primo: pasta alla contadina, con olio, verdure, fagioli, patate.

E qui è tutto un clima festaiolo: molti con il piatto di pasta in mano si lanciano in tanghi e danze sfrenate, tra un “siamo i Watussi” e un “io vagabondo che son io”, cori di persone felici e spensierate.20160522_124235_resized_120160522_120519_resized_1
Abbastanza provati, ripartiamo. La salita dovrebbe essere finita, anche perché la pancia comincia ad essere piena e si fa più fatica tra quei saliscendi tipici dei monti liguri. A Dosso ci attende il secondo: seppie in zimino… altro piatto tipico, piccantine al punto giusto, da innaffiare con del buon vino. Si cominciano a vedere persone sdraiate per i gradini del borgo, o sui prati…il vino assaggia qui assaggia là comincia a fare effetto.
Un altro paio di chilometri e siamo a Casella, e qui tocca al contorno: capponata di verdure. Il paese è molto caratteristico e i colori del borgo risaltano con il blu del cielo.

La gente a fiumi che scorre tra i vicoli stretti del paese… è veramente uno spettacolo.

Si riparte.. prossima tappa: Montale, frazione che porta il cognome del noto poeta genovese che trascorreva le sue vacanze a Monterosso, e che ha dedicato alla Liguria struggenti parole di amore e affetto. A Montale ci viene offerto il formaggio con il miele, e poi prese due sedie finalmente ci sediamo e riposiamo un po’, mentre il deejay mette musica rock potente… panorama su Levanto e la sua baia, e per me che sono nata in questa cittadina l’orgoglio sale a mille!

20160522_171625_resized
Ancora due tappe e avremo terminato la nostra Mangialonga 2016: Le Ghiare, già in pianura e appena fuori dal centro di Levanto, con pesche al vino da gustare nel prato sdraiati e felicemente stanchi e infine i giardini di Levanto, in centro e vicino al mare. Qui dolce caffè e limoncino. Il pranzo è finito.. siamo sazi, un po’ brilli, allegri, stanchi ma molto contenti.

E’ stata una bellissima esperienza: cibo, vino, musica, panorami stupendi…. Cos’altro chiedere alla vita?

"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi.." ed è così…

Commenti 1

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>