ConsapevolMente a Lerici

Inserito da

“La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre” è solo citando Einstein che potrei descrivere con parole semplici quello che ha saputo trasmettermi la kermesse ConsapevolMENTE, a Lerici dal 4 all’8 giugno scorso.

Lo scenario è di quelli da favola; le piazze e le spiagge della splendida località del Golfo Spezzino, l’affascinante Villa Marigola con i giardini all’inglese, le morbide spiagge sabbiose color oro del lido: gli ingredienti ci sono tutti per un evento di successo.

Uno scenario da favola per la kermesse.

Gli appuntamenti del festival hanno mostrato a me e agli altri ospiti una Lerici diversa, più completa, che va oltre le spiagge da cartolina: una Lerici consapevole, attraversata da un fermento intellettuale, dall’incontro fra persone, dalla ricerca di una visione diversa del mondo che ci circonda attraverso i linguaggi della scienza, dell’arte e delle discipline psicofisiche.

“La consapevolezza è per definizione il prendere coscienza di qualcosa che prima ci sfuggiva”. A ricordarmelo è Malcolm Bilotta, il giovane direttore e ideatore della kermesse, lo psicologo e ricercatore, nonchè lericino D.O.C., che da quattro anni, con pochi quattrini e molta passione, porta avanti ConsapevolMENTE.

Se il nostro progetto ha una bontà – mi confida Malcolm – a me piace che stia proprio in questo, nel dis-velare qualcosa. Per ciascuno di noi questo ha molteplici significati: per qualcuno è realizzare di avere un corpo, per altri di avere una mente, per altri ancora di essere parte di una collettività più ampia.

Patch_AdamsE qualche velo è sicuramente saltato dopo gli incontri con gli ospiti di livello internazionale: il fisico e scrittore Frijof Capra, il famoso medico-clown Patch Adams, quello che ha ideato il sorriso-terapia negli ospedali, lo scienziato Paolo Saraceno, gli autori Giovanni e Niccolò Valentini e tutti gli altri ospiti della kermesse, che mi hanno restituito la lezione più importante: per affrontare le scelte personali e sociali “bisogna conoscere” e oggi, più che mai, la conoscenza richiede una straordinaria multidisciplinarietà, l’incontro tra saperi diversi.

Il sapere per tutti.

Saperi e suggestioni a cui hanno avuto accesso tutti, anche i numerosi turisti di passaggio che ad un bagno nel mare cristallino hanno potuto abbinare una rigenerante lezione di yoga… o magari un workshop sulle campane tibetane. Quando si dice “unire l’utile al dilettevole…” 😉

Yoga-spiaggia lericiTanti gli appuntamenti gratuiti negli spazi pubblici, sulle spiagge e nelle piazze come ad esempio la due giorni di laboratori di educazione ambientale a cura dei Parchi Appennino Tosco Emiliano, Cinque Terre, Apuane e Montemarcello Magra che hanno coinvolto i bambini e le famiglie in divertenti attività per conoscere tutto il bello e il buono delle aree protette che si incontrano tra Emilia, Liguria e Toscana. Bambini e genitori entusiasti. La consapevolezza passa anche attraverso la conoscenza del fatto che in Liguria ci sono aree naturali favolose da scoprire, anche con bimbi a seguito.

Non è facile rendere la cultura qualcosa di leggero e frizzante, qualcosa che può farti sentire migliore divertendoti. Ebbene secondo me a ConsapevolMENTE ci sono riusciti e sono già al lavoro per la prossima edizione !

(Le foto di Villa Marigola, di Patch Adams e dello yoga in spiaggia sono di Walter Bilotta)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>