Alassio…tutto è cominciato da un uomo sbagliato!

Inserito da

Se anche voi almeno una volta nella vita vi siete innamorati di qualcuno che proprio alla vostra famiglia non andava giù, allora dovete ascoltare la storia di Adelasia e Aleramo, perché è bella come quella di Romeo e Giulietta, ma ambientata al mare.

alassio liguria turismo paesaggioSi racconta che molto prima dell’anno Mille, alla corte di Ottone I, Imperatore del Sacro Romano Impero, nella tetra e brumosa Sassonia, la principessa Adelasia si innamorò di colui di cui ci innamoriamo almeno una volta nella vita tutti, ovvero dell’uomo sbagliato. Aleramo, il suo nome, di sbagliato aveva solo una cosa, perché era un ragazzo alto, bello e gentile, ma era lo scudiero dell’Imperatore. E come avviene oggi, più l’amore viene contrastato, più si fa forte. Così Adelasia e Aleramo, ogni giorno che venivano separati, ogni giorno si desideravano di più. Ci immaginiamo che fu una notte nella fredda Sassonia in cui  presero la decisione che avrebbero cambiato la loro vita e questa leggenda. Perché le leggende le fanno i  belli, giovani e coraggiosi. E loro lo furono. Fuggirono dall’ immenso castello dell’Imperatore e non si fermarono per mesi e mesi,  facendo moltissima strada, fino a che trovarono il luogo perfetto. Questo.

L’estate non finiva mai, il sole riempiva ogni spazio, il mare era azzurro cristallino e la sabbia friabile e chiara. Erano ad Alassio, e ancora non lo sapevano. Dopo molti anni l’imperatore si riconciliò con la figlia e il genero, che si dimostrò anche un ottimo combattente e che in loro onore fece chiamare quel luogo, Alaxia, oggi Alassio.

Vi abbiamo raccontato questa storia perché crediamo che le tradizioni non si possano inventare ma nascano da lontano. E la tradizione che ha reso Alassio la città degli innamorati coincide con la sua fondazione.

La tradizione che ha reso Alassio la città degli innamorati coincide con la sua fondazione.

alassio liguria turismo paesaggio murettoLa fama di città della bellezza e dell’amore ha trovato espressione nella piazzetta del Muretto con la celebre opera Les amoureux di Raymond Peynet, la statua in bronzo degli Innamorati di Eros Pellini, le Cicogne di acciaio di Mastroianni e la mattonelle firmate dagli artisti. Gli innamorati qui hanno sempre lasciato dediche e pensieri così è nata l’idea di raccoglierli e pubblicarli in forma di un concorso d’amore per festeggiare San Valentino.

La passeggiata, il molo e gli scorci sulla spiaggia. Alassio è molto più che la città degli innamorati.

E poi ci si mettono anche i dolci a farci innamorare. Avete mai assaggiato un bacio d’Alassio? Io passerei ore con un bacio così. Ma anche qui la bontà è avvolta nel mistero, la vera ricetta è tutt’ora segreta e varia da pasticceria a pasticceria, le principali differenze riguardano l’uso del miele, del cacao, del cioccolato e nel metodo di preparazione.

alassio liguria turismo paesaggio passeggiataIl Bacio di Alassio è di forma ovale, composto da nocciole, zucchero, cacao, miele, albume d’uovo, farina, burro, vaniglina e aromi naturali, a fare da “collante” ai due gusci viene farcito uno spesso dischetto realizzato con, latte, cacao magro, zucchero, cioccolato e panna… i gusci vengono poi uniti a mano l’uno all’altro, a due a due, attraverso la farcitura.

Abbiamo reso l’idea?

 

Ho sempre viaggiato, prima in spalla, poi con lo zaino ora spesso con il trolley. Ma la mia…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>