Salone Nautico: tutti a bordo!

Inserito da

Easy, red e soprattutto unico. Eccolo il Salone Nautico genovese. Arrivato in tempo per il primo sole d’ottobre (a Genova ci siamo abituati). Quest’anno è diverso, perché le barche sono meno a terra, sui carrelli, e molto di in mare. Dove in fondo dovrebbero stare.

La nautica come fil rouge.

Comunque l’impatto con la Fiera del mare è più fashion che mai. Un enorme, lunghissimo e divertente muraglione rosso conduce gli ospiti-visitatori-compratori-curiosi. Lungo il filo del discorso, chè è inevitabilmente nautico. Dopo l’inaugurazione di mercoledì il Salone Nautico per il primo week-end del mese catalizzerà l’attenzione dei genovesi e di tutti gli appassionati di diportismo d’Italia. Ci sarà spazio per curiosare tra i 185.000 metri quadri, i circa 700 stand espositivi, il quaranta per cento dei quali con marchi esteri, le oltre 1000 imbarcazioni, quasi tutte in acqua.

185.000 metri quadri, 700 stand oltre 1000 imbarcazioni.

Ma soprattutto saranno ghiotte le occasioni per i migliori affari. Le più note marche dell’industria della nautica da diporto, è noto, offrono prezzi per il Salone più bassi di quelli medi al dettaglio; e proprio negli ultimi giorni, quando già gli espositori fanno i conti di quanto ha inciso sul fatturato la partecipazione al salone (nessuno se ne va mai insoddisfatto), capita di strappare il prezzo migliore per un gommone, un gozzo, un motoscafo o un mega yacht. Al Salone sono in vendita barche di ogni genere e dimensione, dalla barchetta da mille euro al megayacht da svariati milioni (in quest’edizione ci sono ammiraglie da 35 metri di lunghezza). Il Nautico offre l’occasione a tutti per sognare e provare emozioni autentiche. Basta mettersi in fila, togliersi educatamente le scarpe e salire a bordo di panfili stratosferici da milioni di euro. Consci che, una volta tornati con i piedi per terra (anche in senso letterale) si possono trovare imbarcazioni per tutte le tasche, comprese le nostre…

Ghiotti affari.

Poi, aggirandosi tra gli stand, non mancherà l’occasione di gustare i sapori della Liguria. Dalla focaccia col formaggio di Recco, alle acciughe di Camogli, passando per salami, pesto, focacce. Insomma; quest’anno non sarà possibile lasciare i padiglioni con il languore. E alla sera, l’occasione è offerta da Genova, che con Genova in Blu, offre occasioni svago, shopping e cultura.

www.genoaboatshow.com per il Salone.

Io e la Liguria: una bella storia. Mi piace vederla, attraversarla di corsa o fermarmi in qualche posto;…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>