Viaggio lento nell’ogni giorno

Inserito da

IMG_0028Io non so dire se è per la qualità del mare là sotto o se è merito della pendenza che ti precipita il panorama addosso. Non so se la ferrovia che corre sulla destra, un unico binario, aggiunge del fascino a tutto questo o se è soltanto il sole, che qui picchia sempre generoso, a creare quella potente vertigine di bellezza.

Resta il fatto che se ti procuri una bicicletta e percorri la costa di ponente da Genova verso Albenga, nonostante tutti i paesaggi che ti sono sfilati davanti, questo tratto di strada, magari di un fascino più rude di altri, meno ricercato, ti scintillerà davanti agli occhi a sorpresa, alla fine di una galleria buia.

Venire alla luce, ho pensato la prima volta.

E se è vero che in vita si nasce e si muore molte volte, forse nei momenti in cui ritroviamo intatto il nostro stupore, io credo di essere rinata là, l’estate scorsa, tra Finale e Verezzi.

Tunnel Galleria Aurelia Liguria A me piace pensarla così, mi piace credere che davvero chiunque percorra quel tunnel umido e buio e poi sbuchi fuori nel sole possa sperimentare un nuovo venire al mondo.

È forse questo il “viaggio lento nell’ogni giorno” di cui parla Emilio Rigatti nel suo meraviglioso Minima Pedalia: non solo la possibilità di trovare ogni mattina un frammento di viaggio, di essere turisti nella propria terra, ma di sperimentare, con il tactus del pedale, ancora una volta, il battito primo.

(Liguria: Riviera delle Palme: Finale Ligure: stazione: la prima strada a destra)

Si ringrazia Officina Letteraria

Commenti 1

  1. Ora abito a Rimini ….ma quando abitavo a Pra’ e tornavo dalle vacanze dalle Marche…….. stesso effetto…. di venire al mondo ….tutte le volte che uscivo dalla galleria del Passo del Turchino …..MERAVIGLIOSOOOOOO!!!! Si apriva una vista magnifica …il mare ….i pini marittimi che ondeggiavano al vento …il sole che sembrava baciasse quel panorama stupendo al posto mio …..!!!!!!!!!!!!

    Ora lo ricordo a occhi aperti come se fosse qui ….il profumo della mia PRA’ ……quanto mi manca …sono venuta due anni fa a rivederla e gia’ mi sembra una vita !!!!

    Ti bacio Liguria mia ….sono nata nella tua terra ….
    a Voltri in piena estate ..22 luglio 1970 !!! 43 anni fa …
    la mia infanzia l’ho trascorsa a correre nel piazzale in Via della Torrazza !!!!
    a cadere con i pattini a rotelle……..a fare i giri in bicicletta intorno a quel palazzone di 6 piani !!!
    Mi manchi …ti porto sempre nel mio cuore e nel sangue !!!!!
    <3 Sonia.

Rispondi a Sonia Albertucci Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>