Sagra di Recco: fuoco sul mare

Inserito da

Ecco, ci siamo. La grande sagra di Recco, la più incredibile festa pirotecnica della Liguria (e una delle più famose al mondo) sta per arrivare. Il 7 e l’8 settembre, che quest’anno coincidono con il sabato e la domenica, il cielo sopra il golfo Paradiso si illuminerà con lo show pirotecnico.

Una kermesse imperdibili tra il sacro e il profano.

Recco quartiere licetoUn evento talmente imperdibile, che da almeno una decina d’anni non c’è alternativa che tenga: prendo, parto e m’immergo in un clima che non ha eguali. Questo è un appuntamento con la storia nella città della gastronomia e dei fuochi d’artificio. Perché sabato 7 e domenica 8 settembre si festeggerà l’anniversario dell’Incoronazione della Madonna del Suffragio, che qui ha sempre avuto il duplice significato di devozione religiosa e spettacolo profano dei fuochi d’artificio. Da quasi due secoli la kermesse pirotecnica più importante del nord Italia, descritta come unica e suggestiva anche da Stendhal, è un appuntamento fisso.

Un gara fra sette quartieri.

Il golfo di Recco si tinge con i colori dei fuochi artificiali, mentre il centro rivierasco del golfo Paradiso vive di un’atmosfera unica, tra spettacolo e devozione. Per tutto un anno i sette Quartieri storici (Bastia, Collodari, Liceto, Ponte, San Martino, Spiaggia e Verzemma) lavorano per organizzare la festa pirotecnica. I risultati di tanti sforzi, anche economici visto che gli artigiani pirotecnici che vengono a “sparare” a Recco sono i migliori e costano quasi come dei giocatori di calcio (10 mila euro circa per due sere di fuochi), sono tutti concentrati nelle due kermesse pirotecniche. Nelle serate e per lo spettacolo pirotecnico che il quartiere Verzemma tiene in pieno giorno (alle 13 di domenica 8 settembre).

Sullo sfondo delle sparate.

Processione Recco cristo ligneoSe i fuochi rappresentano il momento più spettacolare delle giornate di Recco, suggestivo è tutto il contorno. Già da un paio di giorni la città è in festa con decine di bancarelle e i famosi stand gastronomici dei quartieri, che si trovano ad ogni angolo della città. E poi le celebri sparate dei cosiddetti “mascoli”, veri e propri mortai. Le manifestazioni religiose che accompagnano l’arca della Madonna: i Cristi lignei, le cappe intessute d’oro dell’arciconfraternita del Suffragio. Suggestivo e immancabile appuntamento con la solenne processione della sera di domenica per le vie cittadine dalle 20:15 con l’arca della Madonna ad aprire la fila salutata dalle “bombe” pirotecniche dei Quartieri. Alla processione, che durerà per circa due ore, prendono parte le confraternite di Recco e decine di Cristi Lignei giunti da tutta la regione. Dalle 22:30 fuochi d’artificio dei quartieri Bastia, Ponte e Collodari.

E poi tanta focaccia al formaggio.

E poi c’è la gastronomia, il cui vessillo planetario è la celebre focaccia col formaggio. Da giovedì 5 già si aprono i ristorantini dei Quartieri. Per chi ha voglia di “capire” davvero cosa significa questa festa e quanto “matti” siano i recchelini, il consiglio è quello di fare una levataccia: nella notte tra il 7 e l’8, alle 03:30, sparate di cannone a salve per il tradizionale saluto alla Madonna. Alle 04:30 santa messa dell’alba, a cui partecipano moltissimi fedeli.

Io e la Liguria: una bella storia. Mi piace vederla, attraversarla di corsa o fermarmi in qualche posto;…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>