Liguria: ApeRiTivE – un connubio tra arte e vini pregiati ad Albenga

Inserito da

Le previsioni non davano molte speranze al week end di Pasqua, ma nonostante questo decido di partecipare ugualmente all’inaugurazione ad ApeRiTivE, incuriosita da questa proposta e dal luogo in cui si tiene, non avendo ancora visitato l’interno della torre civica di Albenga dopo la riapertura della fine del 2007.

Dal 2012 la Torre Civica ospita il GAMA, la Galleria d’arte moderna.

Science4art, che si occupa di recupero architettonico e di comunicazione, ha organizzato questo evento.

albenga arte cultura liguria turismoLe sculture africane di Tomas D. W. Friedman e le ceramiche di Renza Sciutto saranno esposte fino al 6 ottobre, si potranno ammirare anche  le opere di Joan Mirò, Balthus, Auguste Renoir, Pablo Picasso, Paul Gaugin, Joles Pascin, Edouard Vouillard, Camille Pisarro, in esposizione permanente. In quattro appuntamenti particolari lo si potrà fare gustando un aperitivo: oggi assaggeremo le prelibatezze della nostra terra accompagnate dai vini: Pigato, Calypso, Rossese e U Steva prodotti dal Podere Le Bandie di Bastia d’Albenga.

Arrivo ad Albenga verso le 17:35 e trovo il centro storico inondato di fiori: dal 30 marzo al 1 maggio il centro storico è location per mostra di aiuole a tema, esibizioni culinarie, ristorazione a tema e animazione per bambini e molto altro: è il tempo di Flor d’Albenga, e molte aiuole si trovano nel centro storico, vicino alla torre.

Salgo nella torre per l’inaugurazione. L’interno del GAMA è già affollato di persone: si riescono a malapena a intravedere le opere di Mirò, Gaugin, Renoir, Picasso appese ai muri della sala di ingresso alla torre campanaria, mentre un tavolo imbandito con bottiglie del prezioso nettare delle vigne locali e gli assaggi dei prodotti da aperitivo attira gli sguardi dei presenti più delle opere d’arte.

albenga arte cultura liguria turismoMi avventuro su per la torre, dopo aver chiesto educatamente il permesso agli organizzatori in attesa che inizi la cerimonia di inaugurazione: in effetti ero molto interessata alla collezione di Tomas Friedman e alla torre, più che agli ottimi manicaretti, dato che conosco molto bene i nostri buonissimi prodotti!

Ora le scale metalliche rinforzate in legno che contornano la torre sono interrotte da tre piani che vengono utilizzati per le mostre. È qui che si trovano le sculture africane di Friedman, in connubio perfetto con gli scudi in materiale vario di Renza Sciutto: le sue sculture in ceramica, ferro e gres, si combinano alla perfezione con le figure in legno dell’autore tedesco, sospendendo il tempo e lo spazio in un angolo d’Africa, mentre fuori il mondo occidentale continua a esistere.

Le scale salgono fino alla cella campanaria: bisogna stare molto attenti all’orologio: trovarsi accanto alla campana alla mezz’ora potrebbe essere pericoloso… il mal di testa e l’otite sono assicurati. Infatti la sconsiderata suona ogni trenta minuti, e povero il malcapitato che si trovasse lassù allo scoccare del tempo!

Scendo appena in tempo per l’inizio della presentazione: la bravissima Chiara D’Aurizio sta già presentando il museo, l’evento e l’idea da cui ha preso origine, quindi invita tutti alla visita della mostra guidata, chiedendo di muoversi a piccoli gruppi, annunciando che al ritorno si darà il via alla degustazione offerta dal Podere le Bandie.

albenga arte cultura liguria turismo

Si riescono a intravedere le molte facce deluse di coloro che speravano già di lanciarsi sugli assaggi invitanti, ma che loro malgrado si sottopongono alla visita, mentre qualcuno, con la scusa che  non c’è spazio per tutti, si defila graziosamente e si appresta a presidiare il banco aperitivi. Potere degli aromi di Liguria! Non solo i vini, le focacce, le torte verdi, ma anche le profumate  aromatiche, composte in bellisime decorazioni dall’Atelier Rosa di Tulle.

Io seguo l’onda, anche per ascoltare la visita guidata, e una volta scesa mi informo meglio sull’origine dell’evento. L’idea è nata  seguendo altre iniziative già collaudate in città d’arte italiane. Science4art, che si occupa di restauri e di innovzione per i piccoli musei, ha pensato di rivitalizzare la fruizione dei musei meno noti utilizzando lo stesso format: Chiara D’Aurizio e le colleghe Chiara Orlando e Simona Scrivano hanno iniziato con il GAMA di Albenga questo progetto organizzando per l’esposizione delle collezioni di Friedman e Sciutto un bellissimo evento.

albenga arte cultura liguria turismoBeh, sorseggiare un aperitivo parlando di opere d’arte o ammirare un’opera d’arte disquisendo dei prodotti della nostra terra è senz’altro un modo per elevare il livello delle conversazioni a cui ci ha portato il troppo uso della televisione, e sarebbe anche un’ottima iniziativa per tenere aperti tanti piccoli musei che i comuni altrimenti non saprebbero come gestire.

Questi appuntamenti non terminano qui: al GAMA proseguiranno ancora il 27 aprile, il 1 giugno e il 29 giugno, con la collaborazione dei Viticoltori Ingauni, dell’Azienda Anfossi, dell’Antico Frantoio Sommariva, della Panetteria U paciugu e  del Ristorante Il Candidato. Per partecipare all’evento ci si potrà prenotare scrivendo a: info.science4art@gmail.com o chiamando il numero: +39 370 3202401.

Uno spirito libero come me non poteva che vivere in Liguria: un abbraccio tra monti e mare e…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>