La roccia sulla pelle

Inserito da

Anche se è sabato mattina presto, non riesco più a stare ferma nel letto. Oggi si va a scalare: non posso indugiare ancora a lungo tra il tepore delle lenzuola! Per me l’arrampicata è prima di tutto una sensazione fisica: la roccia sotto la pelle! È piacere allo stato puro, sentire la ruvidità della roccia sotto le dita delle mani. E poi il movimento di progressione per salire in alto: una danza d’amore con la parete. Ogni passo è la ricerca di un equilibrio costante e continuo, il minimo sforzo, il gesto più estetico, là dove si possono vincere le debolezze delle parete e salire. In cima.

È piacere allo stato puro, sentire la ruvidità della roccia sotto le dita delle mani.

Lo zaino è già pronto dalla sera prima con tutto l’occorrente, corde e moschettoni per la sicurezza, e poi salame e bottiglia di vino per “l’aperitivo” a fine giornata, con gli amici, sotto la parete al tramonto. Ne sento già il sapore.

finale ligure arrampicata sportiva free climbingL’appuntamento con tutta la cumpa è sempre al Borgo per la seconda colazione, che ben si sa, servono energie per scalare. La giornata ha un inizio placido e svogliato, quasi si volesse prendere lo slancio per dare poi tutto quando si sarà in parete. Si bighellona per le vie di Finalborgo gettando sguardi curiosi nei negozietti, l’atmosfera è ancora sonnolenta e rilassata.

Ci vuole un cappuccino e una striscia di focaccia al bar per trovare la concentrazione e soprattutto, cosa più impegnativa della giornata, sceglierela falesia dove andare.

Ognuno ha le sue preferenze e mettersi d’accordo sembra un’impresa. Ma le falesie di Finale offrono appagamento per tutti i gusti e quindi alla fine…il dado è tratto! Imbragatura, scarpette e magnesite… “mi stai assicurando, posso partire?”, chiedo al mio compagno, strizzando l’occhio. E via che si parte verso il mondo verticale.

finale ligure arrampicata sportiva free climbingUn passo dopo l’altro, movimenti precisi e armoniosi, lo sguardo corre a cercare il miglior appoggio per il piede e l’appiglio giusto per la mano. Dopo le prime incertezze, il movimento diventa fluido. Una vera delizia: è come ritrovarsi con un vecchio amante e conoscere già le sue reazioni. È tutto così piacevole e naturale, non c’è altra roccia al mondo che mi faccia stare così bene come quella di Finale.

Arrampico da 15 anni, ho imparato su queste rocce a muovere “i primi passi”, il mio corpo e i miei movimenti di adattano alla perfezione ai “buchi” che si trovano in parete. Non desidero altro. Sono appagata e soddisfatta. La giornata scorre serena con gli amici, con una sana competizione che ci porta a provare i “tiri” più difficili per vedere chi riesce a vincerli. Poi le braccia cominciano ad essere piacevolmente indolenzite e la voglia di “aperitivo” si fa incalzante. Ma ci vuole qualcuno che abbia il coraggio per primo di gettare la spugna e invocare il “time-out”, altrimenti la voglia di roccia ci porterebbe a scalare anche dopo il tramonto con la luce frontale.

finale ligure arrampicata sportiva free climbingE adesso viene la parte più deliziosa: quella che dà un senso alla giornata. Si ripongono corde e imbragature e dagli zaini, magicamente, saltano fuori salami, formaggi e vino rosso. Si affetta in allegria, tutti seduti per terra per condividere un sorso di felicità che scorre giù nelle vene insieme al nettare degli dei. Non importa più il risultato sportivo della giornata, se eri “in forma” o se non lo eri. Adesso si è tutti amici, e ci si lascia andare in allegria. Perché il sapore di una giornata ad arrampicare con gli amici, ha il sapore della condivisione, dello stare insieme nella natura, nel rigenerarsi e sentire che il mondo e la città… molto molto lontani. Il sole tramonta dietro le colline e l’isola Gallinara, tinge di rosso il cielo lanciando bagliori dorati sul mare. Anche la roccia si incendia di un rosa incantevole.

Sorrido: sono felice.

Trascorro la maggior parte dei weekend a zonzo lungo tutta la Liguria alla ricerca delle più belle falesie…

Commenti 2

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>